Perché le emozioni negative non sono così male (e come gestirle)

Perché le emozioni negative non sono così male (e come gestirle)

Ho sempre avuto una reazione avversa alle emozioni negative. Non mi è mai piaciuto sentirmi triste, arrabbiato o spaventato. Preferisco che le cose siano positive e allegre - alcuni direbbero arcobaleni e sole. Molto di questo ha a che fare con la mia educazione; Sono cresciuto in una famiglia che si concentrava sull'essere positivo, incoraggiante e ottimista.

Quando ero arrabbiato, guardavo il lato positivo. Quando avevo paura, ho spinto attraverso di essa. Quando ero triste, l'ho superato. Non è che abbia avuto una vita facile, priva di crepacuore, dolore e sfide. Ne ho avuti molti. È solo che non ho mai deciso di concentrarmi su quel lato delle cose. Ho pensato che fosse tutto buono. Fino a quando non lo è stato.

Diversi anni fa, mi sono trovata ad affrontare l'ansia per la prima volta. E non solo un po' di ansia. Stiamo parlando di un panico totale e paralizzante su cui non avevo alcun controllo. Ad un certo punto, non volevo che mio marito andasse al lavoro la mattina. Se hai mai sofferto di ansia, sai quanto può essere difficile. Come qualcuno che è sempre stato avventuroso, raramente sentiva tutta la forza della paura e cablato per la positività, questo NON ero io e non avevo idea di cosa fare.



Quello che ho imparato (che ho sempre saputo, ma forse mai pienamente compreso) mentre lavoravo su quell'ansia, era che era un sintomo. Un sintomo che qualcosa non funzionava nella mia vita. Era il modo in cui la natura mi diceva che ero fuori strada. C'era troppo nel mio piatto, non mi prendevo molto cura di me stesso e avevo bisogno di rallentare.



Potrei non aver rallentato se non fossi stato colpito da questo spirituale 2×4 di sentimenti negativi. Potrei essere stato in grado di far passare molte delle emozioni 'negative' nella mia vita, ma alcune di esse sono state davvero semplicemente respinte.

Ho imparato che le emozioni negative non sono né buone né cattive. Non sono in realtà negativi; loro solo sentire quel modo. Fanno parte della vita, dell'essere umano.



Dobbiamo fornire spazio per consentire che la vita sia difficile, impegnativa e a volte incredibilmente dura, il che porta a emozioni spiacevoli o negative. Dobbiamo imparare a riconoscere, abbracciare e capire ciò che quelle emozioni stanno cercando di dirci. Dobbiamo imparare il potere e il valore di queste emozioni.

Prima di approfondire ulteriormente, voglio assicurarmi che tu sappia che non sono un terapista o uno psicologo. Queste sono le mie esperienze di emozioni negative per me stesso, centinaia di persone con cui ho lavorato e dalla ricerca e dagli insegnamenti che ho avuto nel corso degli anni. Voglio onorare e non sottovalutare la complessità delle emozioni umane. Sono stati studiati da filosofi, psicologi e scienziati per migliaia di anni, ciascuno con le proprie teorie e spesso in competizione.



Detto questo, diamo un'occhiata ad alcune emozioni negative, perché non sono così negative dopo tutto e come abbracciarle per vivere una vita più soddisfatta.

Sommario

  1. Cosa sono le emozioni negative?
  2. Perché le emozioni negative non sono poi così negative?
  3. Come abbracciare le emozioni negative e trasformarle in motivazione positiva
  4. Quando le emozioni negative diventano cattive...
  5. Conclusione
  6. Altri suggerimenti su come padroneggiare le tue emozioni

Cosa sono le emozioni negative?

Le emozioni negative sono tutte le emozioni che ti fanno stare male in un modo o nell'altro. Rabbia, paura, tristezza, disperazione, frustrazione, senso di colpa, vergogna, disgusto, delusione... lo chiami. Noi tutti sentire queste emozioni. Che tu li riconosca o meno, loro siamo Là.

Negli anni '70, lo psicologo Paul Eckman (meglio noto per aver studiato le espressioni facciali e il modo in cui si relazionano alle emozioni) identificò sei emozioni di base: felicità, tristezza, disgusto, paura, sorpresa e rabbia. Interessante che quattro su sei di questi rientrino nella categoria 'negativo'.

Nel 1980, lo psicologo Robert Plutchik identificò otto emozioni fondamentali: gioia, tristezza, fiducia, disgusto, paura, rabbia, anticipazione e sorpresa. Ancora una volta, quattro di questi otto potrebbero essere considerati negativi.

Entrambi hanno continuato ad espandere la gamma di emozioni per includerne molte altre. Il Dr. Plutchik ha ampliato le sue scoperte attraverso la ruota delle emozioni (sotto) per illustrare lo spettro, i gradi e le relazioni tra queste emozioni.

Se lo cerchi su Google, potresti trovare un elenco delle prime 10, delle prime 20 e più emozioni, ma per il bene della nostra sanità mentale, possiamo iniziare con queste.

Perché le emozioni negative non sono poi così negative?

Mentre le emozioni negative possono sentire male, non sono poi così male per noi, dopotutto. Ecco sette motivi per cui le emozioni negative non sono poi così male.

1. Sono normali.

Inizieremo da qui, perché, da qualche parte lungo la strada, provare emozioni negative è diventata una brutta cosa. In un mondo in cui siamo incoraggiati ad essere presenti, grati e felici (con cui concordo anch'io), forse stiamo facendo un disservizio a noi stessi non parlando del fatto che le emozioni negative sono una parte naturale e inevitabile della vita.Pubblicità

Questo ci porta a sentirci ancora peggio quando li sentiamo. Sperimentare 'stati d'animo' diversi fa tutto parte dell'essere umano.[1]

È tempo di rivalutare il ruolo del cattivo umore nelle nostre vite. Dovremmo riconoscere che sono una parte normale e persino utile e adattabile dell'essere umano; ci aiutano ad affrontare molte situazioni e sfide quotidiane.

2. Servono a uno scopo e hanno un'intenzione positiva.

Se cerchi lo scopo alla base delle emozioni negative, tutte hanno una cosa in comune:

Hanno servito uno scopo evolutivo per la nostra sopravvivenza, salute o benessere.

Ad esempio, la paura è il nostro segnale che qualcosa non va e ci protegge dal pericolo e ci permette di sopravvivere. La tristezza aumenta i sentimenti di connessione ed empatia e costruisce la comunità. Il disgusto fornisce una reazione avversa e ci allontana da cose che potrebbero causare danni o essere contagiose. La vergogna e il senso di colpa ci spingono a fare la cosa giusta e correggere i nostri errori. La rabbia è un meccanismo di protezione che ispira l'azione e ci fa fare qualcosa per cambiare una situazione.[Due]

Sicuramente, senza queste emozioni, non saremmo dove siamo come specie. Tutte queste emozioni sono cose di cui abbiamo bisogno per sentirci in sintonia per aiutarci a sopravvivere e crescere. Sebbene possano sentirsi negativi, hanno tutti un'intenzione positiva sottostante, una ragione per essere. Dobbiamo cercare di identificare quale sia l'intenzione positiva.

Inoltre, le nostre emozioni negative ci spingono a crescere. Per essere partner migliori, amici migliori. Per crescere, progredire. Ci rendono persone migliori e guidano il cambiamento nelle nostre vite.

3. Sono un segnale di avvertimento.

Identificano qualcosa che sta succedendo: il nostro vero sé, la nostra natura interiore e il nostro stato naturale sono pace, calma e connessione.

Tuttavia, quando non siamo allineati con il nostro modo naturale e migliore, sperimentiamo emozioni negative come segnali che siamo fuori strada. Ci stanno dicendo, Ehi, ascolta, qualcosa non va qui, stai andando fuori strada.

Emozioni negative 'più lievi' come frustrazione, apprensione o fastidio possono essere segnali di avvertimento precoce che qualcosa non funziona per te. Lasciali soli abbastanza a lungo e inizieranno a diventare più rumorosi. Forse inizierai a provare rabbia, risentimento o paura. Lasciali soli troppo a lungo e sono fuori controllo: potresti provare rabbia, disgusto, ansia, depressione.

L'ho sempre paragonato a un bambino che ha bisogno della tua attenzione. Ti tireranno la gamba in silenzio cercando la tua attenzione. Se li ignori o non presti attenzione, iniziano a lamentarsi. Ignorali ulteriormente, o metti da parte i loro bisogni, inizierai a urlare, piangere e alla fine ad avere un vero e proprio scatto d'ira.

La paura e l'ansia che ho provato erano un segnale (tardivo) di avvertimento che il percorso su cui mi trovavo era insostenibile, anche se la mia mente cosciente pensava che fossi tutto 'tutto a posto'. Ero fuori strada e avevo bisogno di rallentare.

Alcune emozioni negative non sono segni che siamo fuori strada o fuori allineamento, ma segni che lo stiamo facendo sbagliato cosa. Pensa a quando provi vergogna o senso di colpa. Questi sono segnali che stai facendo la 'cosa sbagliata' o qualcosa per integrità. Qualche settimana fa, mia figlia di 7 anni è tornata a casa dicendo che si vergognava di qualcosa. Era una parola forte da usare e la mia prima reazione è stata di confortarla per rimuovere quella sensazione orribile.

Ma poi le ho chiesto perché. Mentre mi spiegava cosa era successo, mi sono reso conto che quello che provava era abbastanza salutare. Il senso di colpa le stava dicendo che stava facendo la cosa sbagliata - in questo caso, era un meccanismo di autocorrezione. La nostra discussione è diventata meno sull'assolvere la brutta sensazione e più sull'imparare dai suoi errori e fare la 'cosa giusta' Il prossimo tempo.

4. Ispirano l'azione.

Sono un catalizzatore per il cambiamento e il movimento. Cosa succede quando ti arrabbi davvero? Tu agisci.

Forse ti sei lasciato sfuggire l'ultima promozione. Sei pazzo. Sentivi di meritarlo e sei arrabbiato per non averlo ottenuto. Quella rabbia ti spinge a parlare con il tuo capo (in modo cortese e professionale, ovviamente) delle tue abilità, realizzazioni, successi in modo che possa vedere il tuo punto di vista e non ti sfugga la prossima volta.

Forse non avresti parlato così chiaramente se non fossi arrabbiato?Pubblicità

La rabbia è stata usata nel corso della storia come catalizzatore positivo per il cambiamento. Molti grandi leader hanno sfruttato la loro rabbia per difendere ciò in cui credono e per chiedere giustizia e cambiamento. Martin Luther King Jr. ha detto:

Il compito supremo è organizzare e unire le persone in modo che la loro rabbia diventi una forza trasformatrice.

La nostra rabbia può essere una forza trasformatrice per il bene su piccola scala personale (come nel caso sopra) e su una scala molto più diffusa (come il dottor King). Quando qualcuno tratta te o gli altri ingiustamente e ti senti arrabbiato, puoi sfruttare quella rabbia per alzarti e correggere la situazione.

Le emozioni negative creano fuoco nella tua pancia: ti motivano a essere produttivo, a risolvere i problemi, a difendere ciò in cui credi, a riconquistare il tuo potere personale e ad apportare cambiamenti che ti spingono - o forse anche la società - in una direzione diversa.

Adoro questa citazione di Arun Gandhi (nipote del Mahatma Gandhi):

Usa la tua rabbia per il bene. La rabbia per le persone è come il gas per l'automobile: ti dà la carica per andare avanti e raggiungere un posto migliore. Senza di essa, non saremmo motivati ​​a raccogliere una sfida. È un'energia che ci costringe a definire ciò che è giusto e ciò che è ingiusto.

5. Ti permettono di vivere con tutto il cuore.

Molte delle antiche tradizioni di saggezza, filosofi e psicologi del mondo hanno apprezzato e sono stati incuriositi dagli aspetti luce-oscurità, negativo-positivo e ombra di noi stessi.

Pensa al concetto di yin e yang nella filosofia cinese:[3]

Descrive come forze apparentemente opposte o contrarie possano in realtà essere complementari, interconnesse e interdipendenti nel mondo naturale, e come possano darsi luogo l'una all'altra mentre si relazionano l'una con l'altra.

Conosci il film Alla rovescia ? Mi vergogno ad ammetterlo, ma lo condividerò comunque. Quando il film è uscito per la prima volta, non volevo che i miei figli lo vedessero. Perché? Perché non volevo porre l'accento sulle emozioni 'negative': paura, rabbia e tristezza. Perché non potevano semplicemente fare un film su JOY? La gioia è fantastica. Aggiungeteci felici, grati ed emozionati e ora abbiamo un film che voglio portare a vedere i miei figli.

Poi ho guardato Il TED talk di Brene Brown sulla vulnerabilità, e mi ha colpito come una tonnellata di mattoni. Forse solo allora ho capito quanto sia importante sentirsi tutti delle nostre emozioni. Nel suo discorso, condivide che per vivere con tutto il cuore, dobbiamo sentire tutta la gamma delle emozioni. Il positivo: gioia, gratitudine, felicità. E i meno positivi: dolore, paura, vergogna, delusione.

non puoi selettivamente provare emozione. Quindi, per vivere come esseri umani sinceri, abbiamo bisogno di sentire ed esprimere tutta la nostra gamma di emozioni. Dopotutto, come puoi davvero apprezzare la gioia della felicità se non hai sofferto il dolore della tristezza?

E come mi ha ricordato mia figlia, nel film Alla rovescia , indovina chi salva la giornata? Tristezza. Sì, è la tristezza che salva la giornata.[4]

6. Forniscono il rilascio.

Ciò che la mente nasconde, il corpo lo rivela.

Quando nascondiamo o cerchiamo di nascondere o ignoriamo le emozioni, queste non se ne vanno. Vanno nel profondo di noi. Ci mangiano. Causano ulcere, mal di schiena, malattie. Quell'infarto 'improvviso', la pressione alta 'inspiegabile' o l'ansia 'inaspettata' potrebbero non essere così inspiegabili dopo tutto.

Sentire le nostre emozioni ci permette di rilasciare la sensazione e andare avanti. Il mio chiropratico, la dottoressa Ruth Ziemba una volta disse:[5]

Sentili, ma non lasciare che diventino te.

Questo mi è servito bene. Penso che tutti noi abbiamo temuto che quelle dolorose emozioni di colpa, rabbia, dolore, disperazione avrebbero significato che saremmo caduti in un pozzo senza fine di disperazione da cui forse non emergerebbe mai.

Temevo di andare troppo in fondo nella tana del coniglio e di non tornare mai più per vedere la luce del giorno. Ma per andare avanti, dobbiamo sentirli e rilasciarli. Una volta che li 'esponiamo', hanno molto meno controllo su di noi.

Ricco Roskopf,[6]un bodyworker, trainer, specialista di massaggi e movimento, ha condiviso qualcosa che ha risuonato profondamente con me. Stava studiando il lavoro di meditazione di Guy Armstrong, autore di Emptiness e la filosofia che tutto ha bisogno di sorgere, persistere e passare .

Lo stesso vale per le nostre emozioni. Quando permettiamo ai sentimenti di sorgere e persistere, passeranno. Afferrare, aggrapparsi e spingerli verso il basso porterà sempre all'infelicità.

Anche un bel pianto può aiutare. Abbiamo tre diversi tipi di lacrime e quelle prodotte quando piangiamo possono farti sentire meglio. Le lacrime versate dalla tristezza contengono una sostanza chimica tossica per il nostro corpo.[7]

Il pianto emotivo è il modo in cui il corpo si libera da queste tossine e prodotti di scarto.

In Giappone, hanno anche 'stanze per pianto' ed 'eventi per pianto' che servono ad aiutare i partecipanti ad alleviare i livelli di stress e liberare le emozioni.

7. Sviluppano la resilienza.

Più vivi l'intera gamma di emozioni, più, resiliente diventi ad affrontarli e affrontarli.

Jessie Dudley, assistente sociale clinica autorizzata e responsabile del programma presso il Centro di salute mentale di Denver, ha detto questo.

Permettendo a te stesso di sentire tutto ciò di cui hai bisogno, impari come affrontare e costruire la tua cassetta degli attrezzi di strategie di coping. Quindi, la prossima volta che provi quella stessa sensazione, sai cosa fare e cosa funziona per te. Ti rendi conto che la sensazione non ti ucciderà. Non diminuisce la sensazione, ma ti rende più consapevole di come rispondere ad essa.

Se non costruisci capacità di coping, quando provi quelle emozioni, vuoi respingerle. L'evitamento emotivo è efficace in una certa misura. Davvero, tutti cercano di evitare di sentirsi male. Ma più eviti, meno abilità di coping stai sviluppando. Meno sei in grado di farcela, più hai paura delle emozioni, il che porta a un circolo vizioso che le spinge verso il basso. In molti casi, le persone possono rivolgersi ad altri modi malsani per far fronte, comprese le dipendenze e l'abuso di sostanze.

Ricorda questo: siamo in continua evoluzione. Anche le tue capacità di coping si evolveranno e cresceranno.

Come ha condiviso Jessie, quando affronti le emozioni negative e impari abilità di coping efficaci, ti senti più forte e più capace di affrontarle in futuro.

Come madre, questo è particolarmente rilevante. Una volta ho letto che il nostro lavoro come genitori non è proteggere i nostri figli dalla delusione, ma essere lì per loro quando accade la delusione. Se i nostri figli non imparano modi sani per affrontare le emozioni negative, lotteranno per tutta la vita per gestirle.

Come abbracciare le emozioni negative e trasformarle in motivazione positiva

Ecco un processo che puoi utilizzare. chiamiamolo il metodo ACDC .

A – Riconosci e onora l'emozione

Sentilo ma non lasciare che diventi te. Lascia che sorga, persista e passi. Siediti con esso. Il tuo istinto sarà di respingerlo. (Seriamente, chi vuole sentirsi una merda?)Pubblicità

Ma una volta che lo riconosci, puoi andare avanti. Se ti senti a disagio o insicuro nel sentire cosa sta succedendo, potresti voler contattare un terapista o qualcuno che possa creare uno spazio sicuro per vivere le tue emozioni.

C – Considera l'intenzione positiva dell'emozione

Si presenta come un segnale di allarme precoce (o tardivo), un catalizzatore per un cambiamento positivo, un meccanismo di protezione o sopravvivenza?

Identificare l'intenzione positiva dietro l'emozione.

D – Ricontrolla la tua storia

A volte le nostre emozioni negative sono giustificate, ma a volte sono mal riposte. Assicurati di controllarli.

Se ti senti preoccupato, c'è davvero qualcosa di cui preoccuparsi o preoccuparsi è diventata una cattiva abitudine? Se ti senti arrabbiato con qualcuno, hai tutti i fatti? Forse è un errore di comunicazione o un malinteso. Se ti senti triste o sconfitto, c'è una storia che continui a raccontarti che non è vera? Prima di immergerti, assicurati di ricontrollare la profondità dell'acqua.

C – Scegli la tua azione

Una volta che riconosci, comprendi e ricontrolla l'emozione, pensa a quale azione puoi intraprendere.

Forse ringrazi la paura per averti tenuto al sicuro. Forse sfrutti la tua rabbia e smetti di sopportare qualcosa che ha un impatto sulla tua vita o sulla tua salute. Forse usi la tua frustrazione per andare avanti in una nuova direzione. Oppure, impiega la tua colpa per correggere un torto.

In alcuni casi, la tua azione potrebbe essere quella di non fare altro che sentire che stai provando. Anche questo va bene.

Quando le emozioni negative diventano cattive...

Sarebbe negligente da parte mia non riconoscere i vari livelli di emozioni negative che possono verificarsi.

Troppi sensi di colpa possono essere paralizzanti. Troppa tristezza è depressione. Troppa rabbia può portare alla rabbia. Troppa paura può portare a ansia .

Sperimentare un certo livello di queste emozioni negative è normale. Sperimentare livelli continui ed eccessivi di queste emozioni può essere un segnale che qualcosa di molto più profondo deve essere affrontato.

Se provi emozioni negative persistenti o le tue emozioni interferiscono in modo significativo con la tua vita, contatta il tuo medico, terapista o specialista per aiuto e supporto.

Conclusione

Sperimentare tutte queste emozioni è ciò che ci rende umani.

E se potessimo togliere l'etichetta di emozioni negative? E se non fossero cattivi? E se fossero solo emozioni? Negativo. Positivo. Neutro. Abbiamo tutti i tipi di emozioni diverse.

Facciamo solo sentire loro. Ascolta a loro. Riconoscere, onorare, accettare loro . Cerca di capire quello che stanno cercando di dirci, così possiamo imbracatura loro di vivere le nostre vite migliori.

Altri suggerimenti su come padroneggiare le tue emozioni

Credito fotografico in primo piano: Riccardo Mion via unsplash.com

Riferimento

[1] ^ La conversazione: Perché il cattivo umore fa bene: i sorprendenti benefici della tristezza
[Due] ^ 6Second.org: La Ruota delle Emozioni di Plutchik – Aggiornamento 2017
[3] ^ Wikipedia: Yin e yang
[4] ^ Essenze Musicali: Inside Out – La tristezza salva Riley – Scena finale
[5] ^ Dott.ssa Ruth Ziemba: Che cosa sono le arti curative della saggezza integrale?
[6] ^ Di Ricco Roskopf
[7] ^ Come funzionano le cose: Lo scopo di piangere